Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Parte il restauro di 50 ettari del Parco di Monza

Parte il restauro di 50 ettari del Parco di Monza

Il verde risorsa preziosa per il contesto urbano

MILANO, 21 febbraio 2023, 16:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cinquanta ettari del Parco di Monza avranno nuova vita grazie a 2 milioni di euro di fondi del Pnrr e al progetto di restauro conservativo realizzato dall'Università degli Studi di Milano in collaborazione con il consorzio Villa Reale e Parco di Monza. I lavori riguarderanno circa 50 ettari nella zona sud-est del parco, compresi fra il muro di cinta, il fiume Lambro e viale Cavriga, nonché la Cascina Pariana. Quest'ultima, attualmente in stato di degrado, conosciuta anche come Cascina Isolina e realizzata nella seconda metà del XIX secolo come fienile e postazione per l'allevamento della selvaggina presente nel parco, verrà restaurata, in accordo con le indicazioni della soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la provincia di Monza-Brianza.
    Il progetto prevede la riqualificazione, il recupero e restauro conservativo, dei viali alberati che si snodano dal Rondò del Cedro e da quello degli Ippocastani e l'inserimento lungo la cinta di venti macchie di vegetazione arbustiva autoctona per incrementare la biodiversità dell'area, anche grazie all'istallazione di casette rifugio per volatili e impollinatori. Saranno piantati 621 nuovi alberi appartenenti a 15 generi e 26 specie e inoltre saranno messi a dimora 444 arbusti (appartenenti a 8 generi e 10 specie) e nuove siepi. Il progetto includerà anche una fase di ascolto e partecipazione della cittadinanza.
    "La crisi climatica che attraversiamo rende il Parco una risorsa progressivamente sempre più preziosa nel nostro contesto urbano - commenta Arianna Bettin, assessora alla Cultura, al Parco e alla Villa Reale e all'Università del Comune di Monza - la sfida è quella di tutelare tale ricchezza con azioni di sostenibilità, sensibilizzazione, mitigazione e adattamento integrate, che coinvolgano istituzioni, poli di ricerca e cittadinanza".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza