Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Alla Bolognina nasce Mucap, museo della Casa Popolare

Alla Bolognina nasce Mucap, museo della Casa Popolare

Il progetto racconta un secolo di trasformazioni della città

BOLOGNA, 10 febbraio 2023, 22:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 A Bologna, nello storico quartiere della Bolognina, nasce il Mucap, il Museo della Casa Popolare. A firmare il progetto del nuovo spazio espositivo, che accoglierà il vasto patrimonio dell'ex istitito delle case popolari IACP, sono stati gli architetti Renato Righi e Valerio Poltrini dello Studio Nebbia di Milano. I due progettisti, entrambi under 30, hanno vinto un concorso bandito da Comune e Acer, in collaborazione con l'Ordine degli Architetti di Bologna.
    Il progetto esecutivo del nuovo museo, finanziato con circa 1,6 milioni di euro dei fondi del Pnrr, dovrà essere consegnato entro il mese di giugno 2023 e la realizzazione delle opere, a cura dell'Acer, dovrà concludersi entro la primavera del 2026.
    Il Mucap diventerà così parte di un percorso storico che integrerà il nuovo polo in stazione con il memoriale della Shoah, i luoghi della memoria della Resistenza e della Liberazione, il museo della memoria di Ustica, i nuovi spazi destinati ad "officina della conoscenza" all'interno dell'ex mercato ortofrutticolo in via Fioravanti, oltre al sistema di aree aperte costituito da Piazza Lucio Dalla e Liber Paradisus.
    Un'iniziativa per la quale la vicesindaca con delega alla Casa Emily Clancy ha espresso "grande soddisfazione per aver contribuito ad un ampio percorso di restituzione alla città di spazi precedentemente dimenticati Il progetto, infatti, oltre a costituire un presidio museale all'interno delle corti in Bolognina, sarà anche uno spazio per studentesse e studenti che potranno usufruire delle sale come luogo di studio e di consultazione - ha aggiunto Clancy - garantendo a quelle corti una nuova dotazione di attrezzatura pubblica fruibile da tutto il quartiere. Fa molto piacere inoltre che i vincitori del concorso siano giovani architetti che potranno mettere a disposizione della città nuove energie e visioni aperte"
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza