Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Marcia contro mafia, arcivescovo Palermo 'violenza irrazionale'

Marcia contro mafia, arcivescovo Palermo 'violenza irrazionale'

Studenti e istituzioni in corteo da Bagheria a Casteldaccia

BAGHERIA, 24 febbraio 2023, 11:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Siamo in marcia contro tutte le violenze, quella mafiosa come quella degli Stati. La violenza è sempre irrazionale. Noi crediamo alla irrazionalità della pace" . Con queste parole l'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha aperto il corteo che da Bagheria raggiungerà Casteldaccia.
    L'iniziativa del centro Pio La Torre è stata organizzata a quaranta anni dalla marcia contro la mafia che rappresentò la prima forma di ribellione popolare allo strapotere di Cosa nostra nel comprensorio bagherese. A partire dalla scuola media Carducci di via D'Amico sono gli studenti di decine di scuole.
    Con loro sindaci provenienti da tutta la Sicilia, esponenti politici, sindacati e numerosi cittadini.
    La marcia ripercorre quella che era denominata la strada del Vallone dove trovano una via fuga i killer che avevano appena compiuto omicidi di mafia. Ad aprire il corteo, insieme a Lorefice, anche Vito Lo Monaco, presidente emerito del Centro Pio La Torre. Che dice: la reazione di allora fu provocata anche dall'omicidio di La Torre. E non possiamo sottolineare che oggi grazie alla legge che prende il suo nome i beni mafiosi vengono confiscati". Anche oggi, come nel 1983, presenti padre Cosimo Scordato e padre Michele Stabile (nell'83 vicario episcopale, quando alla guida della diocesi c'era il cardinale Salvatore Pappalardo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza