Uccisa in Pakistan:padre e fratello chiamano legale italiano

Sana Cheema sarebbe stata ammazzata dopo no a nozze combinate

Redazione ANSA BRESCIA

(ANSA) - BRESCIA, 02 APR - Si sarebbero messi in contatto con un avvocato bresciano per accettare di farsi processare in Italia il padre e il fratello Di Sana Cheema, la 24enne con passaporto italiano e pakistana di origine, morta in patria nell'aprile del 2018.
    Per la giustizia italiana la giovane è stata uccisa per aver rifiutato le nozze combinate. L'ipotesi è che sia stata strangolata con un foulard dal padre Moustafa e dal fratello Adnan che in Pakistan, dopo un periodo di carcere, erano stati però assolti per insufficienza di prove. Già per due volte l'udienza preliminare italiana è stata rinviata per irreperibilità degli indagati che ora si sarebbero messi spontaneamente in contatto con un legale bresciano. L'udienza è in programma a ottobre. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA