Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: Sonia Alfano, noi familiari spesso ci siamo sentiti soli

Mafia: Sonia Alfano, noi familiari spesso ci siamo sentiti soli

Passati 30 anni senza riuscire a risalire a mandanti occulti

PALERMO, 08 gennaio 2023, 16:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Nonostante sia una conferma del ruolo del boss quale mandate dell'uccisione di mio padre, questa decisione, per chi cerca la verità e per chi come noi crede nella giustizia, ha il sapore di una sconfitta. La mia famiglia ha sempre evidenziato l'anomalia giudiziaria che ha caratterizzato questa richiesta di revisione che di fatto non portava nuovi elementi che mettessero in discussione la condanna del boss. Abbiamo solo perso altro tempo. Sono trascorsi già trent'anni senza riuscire a risalire ai cosiddetti mandanti occulti. Un obiettivo che vediamo allontanarsi col passare del tempo» .Lo dice Sonia Alfano figlia del giornalista Beppe ucciso a Barcellona Pozzo di Gotto l'8 gennaio 1983 da sicari mafiosi, commentando con Ossigeno per l'Informazione la decisione della Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria che ha rigettato, nel marzo 2022, la richiesta di revisione del processo a carico di Gullotti, presentata dai suoi legali nel 2019.
    «Non posso dimenticare - aggiunge - che spesso noi familiari ci siamo sentiti soli. Mi chiedo ancora: perché il nostro Paese, quello per cui mio padre ha sacrificato la vita, non sente il dovere di tramandare la sua memoria? Perché la mia famiglia, tra le famiglie delle vittime di mafia, è una delle più isolate? Ringrazio i pochi che non hanno dimenticato e non dimenticano, come Ossigeno per l'informazione, che ricorda tutti i cronisti uccisi, senza fare distinzioni, sempre e senza retorica».
    Oggi alle 18.30 la famiglia ricorderà il giornalista a Palermo, con una messa che si terrà presso la Chiesa di San Francesco di Paola. Invece, a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) è in programma un'altra messa promossa dal Comune.
    Ossigeno per l'informazione ripubblicherà il libro di Sonia Alfano "La zona d'ombra. La lezione di mio padre ucciso dalla mafia e abbandonato dallo Stato", edito da Rizzoli nel 2011 e fuori commercio. La pubblicazione in formato ebook fa parte del progetto editoriale dedicato a ricostruire le storie dei giornalisti italiani uccisi e a fornire documenti per approfondire le loro vicende.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza