Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rifiuti speciali interrati in terreni agricoli, arresti

Rifiuti speciali interrati in terreni agricoli, arresti

Nel Napoletano anche in area protetta del Parco del Vesuvio

NAPOLI, 18 aprile 2023, 10:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Decine di tonnellate di rifiuti speciali, ma non classificati come tali per abbattere i costi di trattamento e smaltimento, interrati in terreni agricoli (noccioleti e frutteti); uno dei siti d'interramento ricade addirittura all'interno del territorio dell'area protetta del Parco Nazionale del Vesuvio. Per tutto questo i militari della Compagnia Carabinieri di Torre Annunziata e del Reparto Carabinieri "Parco" di San Sebastiano al Vesuvio hanno dato esecuzione a un'ordinanza di misure cautelari personali nei confronti di 9 persone, gravemente indiziate di traffico illecito di rifiuti.
    L'attività di indagine è cominciata a gennaio 2021 a seguito di verifiche effettuate su un'impresa di smaltimento rifiuti operante in alcuni comuni vesuviani. I controlli dei militari hanno fatto emergere la presenza di tre siti di sversamento illecito di fanghi derivanti dal dragaggio di alcuni canali del reticolo idrografico del fiume Sarno (Rio Sguazzatorio e Rio Bottaro), dove i rifiuti in questione venivano trasportati, sversati senza alcuna autorizzazione e senza il previsto trattamento. Nei mesi successivi, si sono raccolti elementi di prova su un collaudato sistema di dismissione di vari rifiuti speciali e rifiuti pericolosi (rifiuti di lavori edili e stradali, cartongesso, guaine bituminose, fresato d'asfalto, amianto e terre e rocce da scavo) con il metodo del cosiddetto giro bolla, ovvero la falsificazione dei documenti di trasporto, tramite i quali gli scarti sarebbero stati declassificati falsamente a rifiuti non pericolosi, abbattendo conseguentemente i costi di trattamento e smaltimento, consentendo di ottenere, pertanto, centinaia di migliaia di euro in profitti illeciti per l'impresa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza