Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Si tranciò un dito ballando al 'Pineta', condanna a 3 mesi

Si tranciò un dito ballando al 'Pineta', condanna a 3 mesi

Vittima una giovane nel 2017, imputato il legale rappresentante

BOLOGNA, 20 febbraio 2023, 16:20

Redazione ANSA

ANSACheck

La notte del 15 aprile 2017 nella nota discoteca 'Pineta' di Milano Marittima, nel Ravennate, una ragazza all'epoca 22enne si tranciò il mignolo della mano destra, rimasto impigliato in una griglia d'acciaio, mentre scendeva dal cubo per ballare. Per l'episodio è finito a processo per lesioni colpose il legale rappresentante della società che gestiva la discoteca, un 41enne, difeso dall'avvocato Massimo Martini, che oggi è stato condannato a tre mesi di reclusione, pena sospesa, dal giudice del tribunale di Ravenna, Tommaso Paone.
    L'imputato è stato anche condannato, in solido con la società che gestiva il 'Pineta', in qualità di responsabile civile, a pagare una provvisionale di 40mila euro, oltre alle spese legali. La Procura aveva chiesto cinque mesi contestando al legale rappresentante di non aver dotato la griglia di protezioni. La giovane forlivese, che subì l'amputazione del dito, ebbe una prognosi di oltre due mesi. Il processo è stato ripetuto, a causa di un errore procedurale.
    "È una sentenza che arriva, purtroppo per la ragazza coinvolta, a quasi sei anni dai fatti, ma che esprime un giusto ed apprezzabile equilibrio in fatto di sicurezza dei locali destinati ai giovani", commentano gli avvocati Stefania Martelli e Federico Fischer, costituiti parte civile in rappresentanza della vittima.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza