Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Abusata nel bagno della scuola', due condanne a Bologna

'Abusata nel bagno della scuola', due condanne a Bologna

Decisione del tribunale per i Minori, un terzo imputato assolto

BOLOGNA, 01 giugno 2022, 13:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il tribunale per i Minorenni di Bologna ha condannato a tre anni e sei mesi due giovani, oggi ventenni, per una violenza sessuale di gruppo in ipotesi commessa il 2 maggio 2018 in un bagno di una scuola della città, ai danni di una ragazza. Assolto invece un terzo imputato. I tre si sono dichiarati estranei ai fatti, la Procura aveva chiesto due anni e otto mesi.
    In particolare erano accusati di aver bloccato la porta del bagno e di aver pesantemente molestato la ragazza, all'epoca quindicenne. La vittima si era confidata coi genitori, aveva fatto denuncia ed erano partite le indagini della polizia. Su richiesta della difesa di uno dei giovani, avvocato Donata Malmusi, prima di pronunciare la sentenza il collegio dei giudici ha fatto ripetere il riconoscimento alla vittima e quindi ha assolto il ragazzo.
    "Sono felicissima - commenta l'avvocato Malmusi - ho sempre creduto nell'assoluta estraneità del mio assistito e avevo grande fiducia nel tribunale. L'indagine è stata viziata in origine e condizionata dai professori della scuola".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza