Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucraino filo russo ucciso da connazionale durante lite su guerra

Ucraino filo russo ucciso da connazionale durante lite su guerra

Si va in Cassazione dopo condanna in appello, omicidio nel 2022

NAPOLI, 02 aprile 2024, 18:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel 2022, al culmine di una lite nata per divergenze sul conflitto tra Russia e Ucraina, prese a pugni e provocò la morte di un connazionale filo russo: condanna confermata, anche in appello, per l'ucraino 27enne Oleh Kruk, al quale la Corte di assise di Napoli aveva inflitto sei anni e otto mesi di reclusione per l'omicidio preterintenzionale aggravato del connazionale 40enne Torshyn Serhiy.
    L'aggressione che avrebbe generato il decesso per le conseguenze dei colpi ricevuti risale al 18 agosto 2022 e avvenne a San Giuseppe Vesuviano, nel Napoletano.
    La vittima morì tre giorni dopo l'aggressione, la sera del 22 agosto, nel Secondo Policlinico di Napoli, a causa delle conseguenze del violento alterco (emorragia subaracnoidea dell'emisfero cerebrale di destra). Dopo la conferma della condanna in primo grado, emessa dalla Corte di assise di Napoli, e la conferma in secondo grado dello scorso 22 marzo, davanti alla Corte di assise di appello, Kruk ha scelto di farsi difendere dall'avvocato Fabrizio De Maio il quale ora annuncia di voler chiedere la detenzione domiciliare per il suo cliente attraverso un ricorso per Cassazione.
    Secondo alcuni testimoni dell'epoca, la lite tra i due scoppiò anche a causa della vodka che avevano ingerito: Kruk, rintracciato dopo le dichiarazioni rese dalla vittima in ospedale, prima che le sue condizioni di salute peggiorassero, riferì ai carabinieri di avere reagito a una provocazione: uno schiaffo sferrato durante una discussione sulla guerra tra Russia e Ucraina nel corso della quale Serhiy (la vittima), aveva affermato, tra l'altro, che la Russia doveva "stare in tutto il mondo". Parole che avevano fatto sentire Kruk, in quanto ucraino, "molto offeso".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza