Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Marco D'Amore, in Caracas una Napoli umida tra fascismo e Islam

Marco D'Amore, in Caracas una Napoli umida tra fascismo e Islam

Servillo scrittore confuso tra realtà e macchina dei sogni

ROMA, 26 febbraio 2024, 14:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una Napoli senza sole, umida, tra fascismo e Islam, è quella che racconta Marco D'Amore nel suo terzo film, Caracas, tratto dal libro Napoli Ferrovia di Ermanno Rea e in sala dal 29 febbraio con Vision Distribution. Tra realtà e sogno, di scena la singolare vicenda di Giordano Fonte (Toni Servillo), scrittore napoletano che, tornato nella sua città dopo alcuni anni, scopre di essere in piena crisi creativa. È una città che non riconosce più, ma l'incontro con Caracas (D'Amore), un uomo inquieto alla ricerca di senso che milita nell'estrema destra e che sta per convertirsi all'Islam, lo rimette in corsa, lo riapre alla scrittura. 
 Giordano si ritrova così dentro un'avventura nera in una Napoli troppo bagnata, tra fascisti che picchiano neri e islamici e questi ultimi che pregano in precarissime moschee.
    Per tutti un incubo: per fortuna c'è l'amore impossibile tra Caracas e Yasmina (Lina Camelia Lumbruso), musulmana eterodossa che potrebbe salvarlo da se stesso.
    "Inclassificabile, inspiegabile, com'è inspiegabile la vita e che un vecchio scrittore si avvicini a uno come Caracas" dice subito D'Amore oggi a Roma di questo film 'marziano'. Mentre Servillo sottolinea: "È stata un'emozionante circostanza ritrovarmi a lavorare con Marco che è cresciuto nella mia compagnia teatrale. È bello che oggi sia lui a dirigermi. Questo film ha un linguaggio complesso su argomenti complessi. Poi c'è il romanzo di Rea che conoscevo e amo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza