Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sgambati-Nota (Uil), svendita Poste genererà chiusura sportelli

Sgambati-Nota (Uil), svendita Poste genererà chiusura sportelli

'Rischio lavoro precario e meno sicurezza'

NAPOLI, 23 febbraio 2024, 13:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Svendere Poste italiane e privatizzarla significa avere meno sportelli sui territori, generare lavoro povero e precario e inficiare la sicurezza sul lavoro" così Giovanni Sgambati e Pasquale Nota, rispettivamente segretari generali della UIL e della UIL Poste di Napoli e Campania.
    "Quello che si sta avviando con la vendita delle azioni di Poste Italiane non servirà a ridurre il debito pubblico, come ci dicono, ma solo a mettere in serie difficoltà cittadini e lavoratori, continuano Sgambati e Nota. "Da sempre Poste Italiane è un servizio importante per i cittadini sui territori. La presenza di sportelli anche in luoghi remoti ed in paesi di provincia significa effettuare un sevizio sociale di grande importanza. Inoltre, a Poste Italiane sono stati affidati i risparmi di milioni di italiani (35 milioni con esattezza) che adesso finiscono in mano ai privati. Noi crediamo che questa sia una scelta scellerata anche perché siamo di fronte ad un'azienda che gode di ottima salute grazie alla operatività e alla professionalità di centoventi mila tra lavoratrici e lavoratori che hanno fatto grande Poste Italiane. Con queste decisioni si continua a prediligere la logica del profitto a discapito dei diritti e del benessere dei cittadini e dei lavoratori"
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza