Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'ultimo viaggio di Sindbad di E.De Luca a Il Pozzo e il Pendolo

L'ultimo viaggio di Sindbad di E.De Luca a Il Pozzo e il Pendolo

A Napoli fra echi biblici e leggende di mare storia senza tempo

NAPOLI, 21 febbraio 2024, 09:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È una reincarnazione mediterranea del personaggio delle "Mille e una notte" 'L'ultimo viaggio di Sindbad' di Erri De Luca, spettacolo che approderà in scena sabato 24 febbraio alle 21 (in replica domenica 25) negli spazi del Pozzo e il Pendolo Teatro di Napoli, con l'adattamento e la regia di Annamaria Russo. Presentato dallo stesso palcoscenico partenopeo, l'allestimento vedrà protagonisti Marco Palumbo, Alfredo Mundo, Sonia de Rosa, Michele Costantino, Gennaro Monti, accompagnati dalle musiche, eseguite dal vivo, dei Ringe Ringe Raja.
    Sottolinea una nota: "Un marinaio che ha visto ogni tempesta e ogni bellezza è al suo ultimo viaggio. Mestiere spietato il suo, guardiano di una folla ammassata nella stiva. Nemico e custode di un'umanità in fuga, trasporta migratori e migratici verso il nostro Occidente, chiuso a filo spinato. Sottocoperta un carico di uomini, donne, bambini aspetta di arrivare alle coste italiane. Sono migranti in viaggio, accomunati dalla stessa sorte. E poi, c'è il mare, con la sua forza terribile, i riti propiziatori e la sua generosità inattesa" Nella stiva chiusa come la notte si masticano preghiere e superstizioni, si fanno riti per allontanare la morte che viene con le onde. Il viaggio oltre il mare si può compiere solo stringendo la carne di chi si ama. Solo così si può durare oltre il sale che inghiotte i ricordi.
    La verità, forse, è nelle parole del capitano che conosce la legge delle acque: "Si salvano dai malanni e dalle tempeste quelli che hanno una donna che li aspetta. In punto di pericolo le forze si raddoppiano, sono in due a combattere. La morte si stanca contro due alla volta, preferisce i solitari". Sindbad conosce ogni tempesta e ogni bellezza, ha visto uomini e donne lasciare l'Europa per raggiungere l'America nel primo Novecento.
    "Oggi è lui a portare verso il sogno italiano ed europeo i nuovi migranti, che riempiono la sua storia di sogni, leggende, incoscienti atti di coraggio. Ma ad allacciare gli uomini alle parole ci sono anche Giona, Kohélet, san Paolo, Sheherazade, e altre voci. E c'è il mare, con la sua forza terribile, i riti propiziatori, la generosità inattesa" concludono gli autori dello spettacolo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza