Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scontri al derby Cosenza-Catanzaro, 13 poliziotti contusi

Scontri al derby Cosenza-Catanzaro, 13 poliziotti contusi

Indagini in corso per ricostruire la dinamica e trovare autori

COSENZA, 04 marzo 2024, 16:45

Redazione ANSA

ANSACheck
polizia stadio -     RIPRODUZIONE RISERVATA
polizia stadio - RIPRODUZIONE RISERVATA

polizia stadio - RIPRODUZIONE RISERVATA

E' di tredici poliziotti contusi il bilancio degli incidenti verificatisi ieri sera al termine del derby di serie B tra Cosenza e Catanzaro. Alcuni tifosi del Catanzaro sono stati identificati dalle forze dell'ordine.
    Secondo la ricostruzione fatta dalla Questura, dopo alcuni leggeri tafferugli senza conseguenze che si sono verificati nelle vicinanze dello stadio, i pullman dei tifosi giallorossi sono stati instradati verso l'autostrada.
    Gli incidenti si sono verificati nei pressi del centro commerciale di Rende, a poco distanza dallo svincolo autostradale. Lungo la strada, secondo la Questura, un gruppo di supporter catanzaresi, da due pulmini, hanno lanciato sassi contro le auto della polizia. Quindi si sono fermati nel parcheggio del centro commerciale lanciando fumogeni verso la struttura e cercando di entrare. Ed è qui che ci sono stati gli scontri col la polizia.
    Diversa la versione fornita da tifosi catanzaresi che parlano di un agguato dei tifosi avversari e sostengono che i pulmini si sono fermati dopo che un gruppo di tifosi del Cosenza li aveva colpiti con sassi e bastoni. Versione che, al momento, non viene confermata dalla Questura.
    In queste ore, comunque, gli investigatori stanno visionando i video del sistema di sorveglianza del centro commerciale ed altri girati da privati cittadini e che circolano sui social. Da questi video potrebbe venire una ricostruzione definitiva della vicenda.
   I video ripresi dal sistema di sorveglianza del centro commerciale e numerosi video girati da privati che circolano sui social sono al centro degli accertamenti che stanno compiendo gli investigatori della Questura di Cosenza per giungere alla ricostruzione di quanto avvenuto ieri sera al termine del derby di serie B Cosenza-Catanzaro. La Polizia sta anche cercando di individuare chi ha partecipato agli scontri avvenuti nel parcheggio del centro commerciale di Rende.

   In uno dei video all'esame degli investigatori, si vede un gruppetto di cinque, sei persone incappucciate che dal lato dell'ingresso del centro commerciale lanciano delle torce all'indirizzo del parcheggio dove sono fermi i pullman che trasportavano i tifosi del Catanzaro. Al lancio, i supporter giallorossi reagiscono rilanciando le torce verso il punto di partenza e si vede un gruppo che inizia a correre verso l'ingresso. In un altro si vede un gruppo di individui incappucciati e con in mano dei bastoni che percorrono una strada posta alle spalle della struttura.
   Dall'esame di questi video, gli investigatori sperano di ricostruire con esattezza quanto accaduto e le responsabilità individuali.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza