Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sappe e Sinappe, a Vibo agente in servizio ferito da un detenuto

Sappe e Sinappe, a Vibo agente in servizio ferito da un detenuto

Colpito alla testa con una bomboletta di gas

VIBO VALENTIA, 01 marzo 2024, 12:34

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un agente in servizio nel carcere di Vibo Valentia è rimasto ferito alla testa dopo essere stato colpito da un detenuto del circuito media sicurezza che ha utilizzato una delle bombolette di gas di quelle in uso nelle celle per scaldare le vivande. E' quanto rendono noto i sindacati di categoria Sappe e Sinappe.
    La vittima dell'aggressione, riferiscono i sindacati, è stata costretta a ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. "Si tratta - afferma il segretario regionale del Sappe, Francesco Ciccone - di una follia che supera i limiti della civiltà. Alla luce di tutto questo, non possiamo che dirci indignati di fronte a una amministrazione che individua nel trasferimento dei detenuti violenti da un istituto all'altro l'unico metodo di contrasto alle aggressioni del personale e riversa sulla Polizia penitenziaria tutto il peso della sua inefficienza. Quanti lividi, escoriazioni, offese e insulti dovremo ancora vedere tra le fila della Polizia Penitenziaria prima di poter raccontare di interventi concreti?".
    "Il Sappe - fa sapere ancora Ciccone - ha chiesto ai vertici regionali dell'amministrazione penitenziaria della Calabria di chiudere provvisoriamente proprio il Reparto isolamento per le difficoltà operative in cui lavorano gli agenti, anche in considerazione che sarebbero previsti dei lavori da parte del Provveditorato, lavori da farsi alla presenza dei detenuti".
    Per Donato Capece, segretario generale del Sappe, "chiunque, ma soprattutto chi ha ruoli di responsabilità politica ed istituzionale, e penso in primis ai Sottosegretari alla Giustizia Delmastro e Ostellari, ognuno per quanto di competenza per delega ministeriale, dovrebbe andare in carcere a Vibo Valentia a vedere come lavorano i poliziotti penitenziari, orgoglio non solo del Sappe e di tutto il Corpo ma dell'intera Nazione. È sotto gli occhi di tutti - aggiunge Capece - che la situazione penitenziaria è sempre più critica".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza