Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Capannone in fiamme per riscuotere assicurazione, 4 arresti

Capannone in fiamme per riscuotere assicurazione, 4 arresti

Bloccati dai carabinieri due imprenditori nel Catanzarese

CATANZARO, 01 marzo 2024, 15:17

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Avrebbero incendiato il capannone di proprietà di uno di loro per incassare il premio assicurativo ed avviare una nuova attività. Questa l'accusa mossa a quattro persone arrestate dai carabinieri della Compagnia di Girifalco in esecuzione di un provvedimento del gip su richiesta della Procura di Catanzaro. Si tratta di dell'imprenditore Antonio Infusino, di 43 anni, proprietario del capannone andato distrutto, Francesco Giannini (38), gestore di un'agenzia di pompe funebri, portati in carcere, e di due dipendenti di Giannini posti ai domiciliari. Tutti e quattro sono accusati di incendio doloso ed i due imprenditori anche di fraudolento danneggiamento di beni assicurati.
    I provvedimenti cautelari scaturiscono da una indagine avviata nel novembre 2023 dopo un vasto incendio - domato dopo diverse ore da numerose squadre di vigili del fuoco - che aveva interessato un capannone in contrada Difesa del comune di Caraffa di Catanzaro, nella zona industriale, e che si era propagato danneggiando anche i locali di ditte limitrofe.
    Le indagini avviate dai carabinieri con l'escussione di persone informate sui fatti, intercettazioni e e servizi di osservazione e controllo, hanno portato gli investigatori a stabilire che il fuoco era stato appiccato dolosamente da Infusino e Giannini per ottenere il premio derivante dalla stipula di un contratto di assicurazione peraltro aumentato nel massimale pochi giorni prima del rogo, nonché di pagare i fornitori ed avviare una nuova e più redditizia attività operante nel campo dei servizi funebri a Catanzaro.
   Le persone arrestate, si è appreso successivamente, sono due. La Procura della Repubblica di Catanzaro aveva chiesto i domiciliari per i due dipendenti di Giannini, ma il gip ha rigettato la richiesta. Gli arrestati, dunque, per un'ordinanza di custodia cautelare in carcere sono Antonio Infusino e Francesco Giannini.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza