Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Enrico Brignano a Catanzaro, risate a crepapelle

Enrico Brignano a Catanzaro, risate a crepapelle

E alla fine ricorda il suo maestro Gigi Proietti

CATANZARO, 02 dicembre 2023, 19:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una verve incredibile, un susseguirsi impetuoso di battute, aneddoti e ricordi che ha entusiasmato il pubblico, che alla fine gli ha riservato un applauso incontenibile. Enrico Brignano ha portato al teatro "Politeama-Mario Foglietti" di Catanzaro il suo spettacolo "Ma...diamoci del tu", scritto con Manuela D'Angelo, la collaborazione ai testi di Alessio Parenti e le musiche originali di Andrea Perrozzi.
    Brignano ha ricevuto il "Riccio d'Argento" dell'orafo Gerardo Sacco, premio ai Migliori Live d'Autore di "Fatti di Musica", il festival, giunto alla trentottesima edizione, diretto da Ruggero Pegna, che ha organizzato l'evento insieme alla Fondazione Politeama.
    L'artista romano, nel corso dello spettacolo, un vero e proprio "one man show", ha dato dimostrazione delle sue enormi capacità artistiche ma anche umane, ripercorrendo con sincerità una carriera che gli ha riservato anche tanti no ma, al tempo stesso, l'accoglienza e la valorizzazione da parte di importanti personaggi dello spettacolo. Primo tra tutti Gigi Proietti, che é stato per lui un vero maestro e punto di riferimento, ma anche Maurizio Costanzo, tanto da essere stato ospite innumerevoli volte del "Maurizio Costanzo show", e Lino Banfi, che lo volle tra gli interpreti delle prime edizioni di "Un medico in famiglia".
    Il momento dello spettacolo che ha stupito maggiormente è stato il lungo monologo in cui ha raccontato il suo incontro con Samantha, una ragazza appena conosciuta, in una scomoda "500", con lo sfondo del Colosseo, tra equivoci, ammiccamenti e passioni. Oltre mezz'ora di divertimento allo stato puro.
    Lo stesso Brignano racconta così il suo spettacolo. "Darsi del tu, oggi - afferma - è ormai la prassi, mentre il 'lei' sembra qualcosa di arcaico e formale. Per dire, quando ti chiamano dal call center per discutere, che so, la tariffa telefonica, oppure per proporti di investire l'eredità di 'pora nonna' in criptovalute, usano il lei, probabilmente per renderti più difficile mandarli a quel paese. Il 'lei' è burocratico, si usa con le forze dell'ordine o al Comune, ma del resto il 'tu' che lo sta sostituendo è vuoto, non porta con sé quella confidenza vera, quella familiarità che intendo io".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza