Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Indebita percezione reddito cittadinanza, denunciati in 14

Indebita percezione reddito cittadinanza, denunciati in 14

Furbetti scovati nel Reggino, truffa da 63 mila euro

SAN FERDINANDO, 08 aprile 2023, 10:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Quattordici persone, tra cittadini italiani e stranieri, sono state denunciate, in stato di libertà, dai carabinieri a San Ferdinando, nella Piana di Gioia Tauro, per indebita percezione del reddito di cittadinanza. I militari, attraverso un'attività di analisi documentale delle istanze presentate e mediante l'esame incrociato tra gli esiti degli accertamenti e i controlli posti sul territorio, hanno riscontrato false dichiarazioni, omissioni e irregolarità nelle procedure di attestazione da parte dei soggetti richiedenti per un danno erariale complessivo di circa 65 mila euro. In particolare le principali inottemperanze emerse hanno riguardato dichiarazioni mendaci sulle condizioni personali o familiari allo scopo di percepire il beneficio in totale assenza dei requisiti previsti o anche solo mirate all'ottenimento di un reddito maggiore rispetto a quello realmente spettante.
    Gli esiti delle indagini sono stati segnalati alla Autorità giudiziaria e all'Inps ai fini dell'interruzione dell'elargizione del sussidio e del recupero delle somme indebitamente percepite.
    A partire dal 2020, le verifiche condotte nella zona dai carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno portato all'individuazione di circa 300 persone, di cui circa 200 extracomunitari domiciliati nella tendopoli di San Ferdinando, segnalati per violazioni inerenti la normativa sul reddito di cittadinanza, per un tentato danno erariale di quasi 1 milione e 500 mila euro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza