Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Naufragio migranti: strazio superstiti alla camera ardente

Naufragio migranti: strazio superstiti alla camera ardente

Momento toccante la preghiera con i parenti delle vittime

CROTONE, 01 marzo 2023, 15:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le urla strazianti di una giovane donna afgana sulla bara della sorella con la quale era partita dall'Afganistan per trovare una vita migliore risuonano nel palazzetto dello sport di Crotone dove è stata aperta oggi la camera ardente per le vittime del naufragio avvenuto domenica a Steccato di Cutro. L'arrivo dei superstiti e dei parenti delle vittime è stato il culmine del dolore. Chi in quel momento era nel palasport non è riuscito a trattenere le lacrime. IN alcuni casi sono dovuti intervenire i sanitari per soccorrere alcune persone che avevano ritrovato sulla bara il nome del congiunto.
    Una parte degli 81 superstiti e i parenti delle vittime - arrivati soprattutto da Germania, Austria ed Olanda - hanno poi celebrato una breve funzione religiosa. Guidati dal rappresentante anziano della moschea di Cutro, Mustafa Achik, hanno pregato con grande compostezza davanti alle, per ora, 66 bare allineate sul parquet dell'impianto sportivo. Una cerimonia semplice svolta nel silenzio. Poi ognuno si è avvicinato alla bara, o in alcuni casi alle bare, dei parenti. Al momento la polizia scientifica è riuscita a dare un nome a 42 vittime. Le identificazioni stanno continuando.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza