Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Orafo che lo incontrò: "Ratzinger gentile e timido"

Orafo che lo incontrò: "Ratzinger gentile e timido"

Michele Affidato lo vide 13 volte. Realizzò per Benedetto anche stemma papale

CITTA DEL VATICANO, 05 gennaio 2023, 12:51

Redazione ANSA

ANSACheck

Michele Affidato con Joseph Ratzinger - RIPRODUZIONE RISERVATA

Michele Affidato con Joseph Ratzinger - RIPRODUZIONE RISERVATA
Michele Affidato con Joseph Ratzinger - RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha incontrato 13 volte Benedetto XVI, tra udienze e benedizione delle creazioni presentate in Vaticano, e ha realizzato per lui anche opere personali: lo stemma papale e l'icona dei Santi patroni d'Europa. Si chiama Michele Affidato, 57 anni, ed è un orafo calabrese. Svolge questo mestiere dall'età di 12 anni, da quando andava ancora a scuola. Nel 1987, poi, apre il suo laboratorio a Crotone, dopo aver appreso le tecniche di lavorazione. Il primo incontro con il Papa emerito risale al 6 gennaio 2006 quando, invitato dal suo cerimoniere, monsignor Piero Marini, ha la possibilità di partecipare alla processione offertoriale della messa dell'Epifania a San Pietro. Ed è nel 2011 che consegna personalmente a Ratzinger la sua creazione - due opere in una - "che riproduce Piazza San Pietro con tutto il colonnato e lo stemma papale - estraibile e decorativo - realizzato in argento, oro e pietre preziose"Michele Affidato (d) con Joseph Ratzinger
    Il lavoro doveva essere portato in Vaticano ma visto che Benedetto XVI sarebbe andato in Calabria nell'ottobre del 2011, Affidato ha avuto l'opportunità di essere ricevuto in udienza privata a Lamezia Terme e di consegnare l'opera come saluto di benvenuto nella sua regione. "Un incontro ricco di emozioni.
    Dopo aver ascoltato con attenzione la spiegazione dell'opera, Papa Benedetto ha dimostrato di aver particolarmente gradito il dono - spiega l'orafo -. Mi disse con un sorriso guardandomi negli occhi: 'Bella, è molto bella, grazie'".
    La seconda opera realizzata per Ratzinger risale allo scorso anno. Ricevuto l'incarico dal Consiglio Conferenze Episcopali Europee, Affidato crea i bassorilievi in argento con i Santi patroni d'Europa in occasione del giubileo del 50esimo anniversario dell'istituzione della Ccee.
    Di Benedetto XVI ricorda la "grande gentilezza, la timidezza e una persona che ha dato tanto alla Chiesa, un grande teologo".
    "Quando gli consegnai lo stemma mi disse 'Figliolo, prega per me'. Chiedeva agli altri un aiuto". Racconta Affidato che seguirà i funerali in televisione, "Lo sento come un dovere".
    Il 27 febbraio 2013, l'ultimo incontro con Ratzinger all'udienza generale, "riuscì a trasmettere a tutti una pace, una gioia e una serenità pur essendo un momento di grande sofferenza".
    Affidato nel corso della sua carriera ha realizzato diverse opere per chiese e santuari nel mondo, per pontefici - Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco - e per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Suoi, inoltre, sono i premi speciali al Festival di Sanremo dal 2010, come quello della critica "Mia Martini" e quello della sala stampa "Lucio Dalla".

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza