Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Ndrangheta: due arresti per tentato omicidio nel vibonese

'Ndrangheta: due arresti per tentato omicidio nel vibonese

Vittima era fuori la sua abitazione dove era ai domiciliari

VIBO VALENTIA, 08 gennaio 2022, 13:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due persone sono state arrestate in relazione al tentato omicidio di Domenic Signoretta, avvenuto a Nao di Ionadi, nel Vibonese nel maggio 2019, mentre lo stesso si trovava all'esterno dell'abitazione in cui era sottoposto agli arresti domiciliari. L'uomo è considerato dagli investigatori l'armiere del clan Mancuso di Limbadi e vicino al boss Pantaleone alias "L'ingegnere".
    Si tratta di Antonio Campisi, di 31 anni e Rocco Molè, di 26.
    I due sono stati arrestati da personale della Squadra mobile di Vibo Valentia in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catanzaro per tentato omicidio, aggravato dalla finalità mafiosa. L'agguato sarebbe stato compiuto, secondo gli investigatori, nel contesto di scontri per gli equilibri tra cosche di 'ndrangheta.
    La misura cautelare è stata emessa dopo che, il 17 dicembre scorso, personale della Squadra mobile vibonese, con il Servizio centrale operativo (Sco) della Polizia e i finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro, Gruppo investigazione criminalità organizzata (Gico) del Nucleo di Polizia economico finanziaria, con il supporto del Servizio centrale investigazione criminalità organizzata (Scico) della Guardia di finanza, avevano dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Dda di Catanzaro, nei confronti di Antonio Campisi, di 32 anni, il tentato omicidio di Domenic Signoretta.
    Campisi era stato localizzato ad Ardore Marina (Reggio Calabria), dopo controlli sul territorio posti in essere dagli investigatori.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza