Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sperimentazione It-Alert prorogata di un anno in Basilicata

Sperimentazione It-Alert prorogata di un anno in Basilicata

Su decisione della protezione civile nazionale per alcuni rischi

POTENZA, 12 febbraio 2024, 12:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La sperimentazione del sistema It-Alert proseguirà nel 2024 e la protezione civile regionale fornirà un'adeguata campagna informativa sulle indicazioni operative indirizzata a tutte le componenti del sistema di protezione civile e alle strutture operative lucane": lo ha reso noto il dirigente regionale della Protezione civile, Giovanni Di Bello, che ha partecipato al tavolo nazionale sul sistema di alert.
    E' stata decisa, infatti, la proroga di un anno della sperimentazione relativamente al rischio di 'maremoto generato da un sisma', al rischio di 'precipitazioni intense' e al rischio vulcano per Stromboli. In Basilicata è stata poi effettuata la valutazione finale, dopo l'esercitazione dello scorso 25 gennaio allo stabilimento Cova Eni di Viggiano (Potenza): "Nell'incontro - ha commentato Di Bello - sono state individuate le azioni correttive e integrative da apportare alle procedure dei piani di emergenza esterna degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante e, più in generale, alla pianificazione di emergenza e alla pianificazione di protezione civile di livello territoriale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza