Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sanità lucana: Piro risponde al gip, chiesta revoca arresto

Sanità lucana: Piro risponde al gip, chiesta revoca arresto

Il suo legale: "Atti corruttivi? No, solo raccomandazioni"

POTENZA, 10 ottobre 2022, 13:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha risposto alle domande del gip, stamani, a Potenza, durante l'interrogatorio di garanzia, Francesco Piro, ex capogruppo di Forza Italia nel consiglio regionale della Basilicata, in carcere da venerdì scorso nell'ambito di un'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lucano su induzione indebita, corruzione, tentata concussione e altri reati contro la pubblica amministrazione.
    Lo ha confermato ai giornalisti, all'uscita dal carcere, il suo avvocato, Sergio Lapenna, che ha chiesto al gip, Antonello Amodeo, l'attenuazione della misura cautelare della detenzione in carcere: "Se la nostra richiesta sarà accolta - ha spiegato Lapenna - non ricorreremo al Tribunale del riesame". La decisione del gip - sempre secondo Lapenna - arriverà entro mercoledì, dopo l'acquisizione del parere del pm, Vincenzo Montemurro, e della sentenza a carico di un accusatore di Piro.
    Davanti al gip, Piro ha respinto le accuse e ha spiegato i suoi atti, definendo "solo raccomandazioni" quelli che nell'ordinanza di custodia cautelare sono considerati "atti corruttivi". Secondo Lapenna, Piro - che "sta benissimo anche se è preoccupato per i suoi familiari", ha precisato l'avvocato - aveva fatto una "raccomandazione politica" a favore di un dirigente di Acquedotto Lucano che voleva essere promosso e non ha avuto un ruolo nel tentativo di allontanare dall'incarico l'allora direttore generale dell'azienda ospedaliera "San Carlo" di Potenza. Infine, lo stesso legale ha spiegato che, in un altro caso, una persona poi vicina al presidente della Regione Basilicata aveva chiesto a Piro una tangente per evitare una verifica fiscale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza