Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia: relazione Dia, "Matera? Come Campania o Calabria"

Mafia: relazione Dia, "Matera? Come Campania o Calabria"

"Intimidazioni per tutti gli operatori, piccoli e grandi"

POTENZA, 07 aprile 2022, 11:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A Matera "la situazione dal punto di vista criminale non è dissimile da quella che si può rilevare in zone ad altissima densità mafiosa del Napoletano, del Casertano o della Calabria": è una frase pronunciata dal Procuratore distrettuale antimafia di Potenza, Francesco Curcio, nell'audizione in Commissione parlamentare antimafia del 9 giugno 2021, riportata nella relazione semestrale della Dia al Parlamento. L'attività dei clan nel Materano è caratterizzata - ha aggiunto Curcio - da "uno stillicidio continuo di atti intimidatori nei confronti di tutti gli operatori economici, piccoli e grandi".
    Poco prima, Curcio aveva spiegato che il quadro mafioso in Basilicata va "distinto per aree geografiche, per la regione non è una realtà uniforme dal punto di vista criminale oltre che da quello economico".
    La relazione della Direzione investigativa antimafia al Parlamento ai apre con la constatazione che, "accanto alla cosiddetta 'mafia lucana' continuano ad interessarsi agli 'affari' della Regione le organizzazioni malavitose campane, pugliesi e calabresi favorite dalla prossimità geografica, nonché da una conclamata tolleranza da parte delle consorterie criminali locali spesso sostenute nelle propria crescita delinquenziale proprio da tali forme di collaborazione".
    Naturalmente, il traffico della droga è "l'attività delinquenziale privilegiata" che si svolge in Basilicata: tuttavia, in provincia di Potenza, i clan hanno la "caratteristica" di "mimetizzarsi nel contesto economico, di svolgere attività lecite". In una nota della relazione si fa riferimento anche a "diverse lettere minatorie" ricevute da un magistrato, a Pisticci (Matera): le lettere sono state inviate da un uomo già noto per reati contro il patrimonio, in materia di stupefacenti e per porto di armi e oggetti atti a offendere.
    La relazione della Dia - che ha aperto una sezione a Potenza il 7 marzo scorso, alla presenza del Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese - spiega anche che la criminalità straniera in Basilicata è rappresentata in particolare da clan gambiani e nigeriani dediti al traffico di "significativi quantitativi" di droga.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza