Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mase, l'Ue ha archiviato l'infrazione sul rumore ambientale

Mase, l'Ue ha archiviato l'infrazione sul rumore ambientale

Pichetto, 'premiato l'impegno di ministero e realtà locali'

ROMA, 27 aprile 2023, 12:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Commissione europea ha archiviato la procedura d'infrazione nei confronti dell'Italia per la non corretta attuazione della direttiva comunitaria sulla determinazione e la gestione del rumore ambientale. Lo rende noto il ministero dell'Ambiente e della sicurezza energetica.
    Il ministro Gilberto Pichetto definisce l'archiviazione della procedura "una buona notizia per il Paese, che premia l'importante lavoro di interlocuzione svolto in questi anni dalle strutture ministeriali, oltre che l'impegno delle realtà locali nella complessa pianificazione su questo tema".
    La decisione, si legge nella nota del Mase, "è arrivata il 19 aprile, dopo un articolato confronto tra la direzione per le Valutazioni ambientali del ministero e la Commissione, che nel 2018 aveva contestato nel parere motivato all'Italia di essere venuta meno agli obblighi di elaborare mappature, mappe acustiche strategiche e piani d'azione per un consistente numero di agglomerati e assi stradali - ferroviari".
    Nel tempo, il ministero - si legge ancora nella nota - ha sollecitato i gestori delle infrastrutture dei trasporti principali e le autorità competenti per reperire tutta la documentazione non trasmessa nei tempi previsti e inviarla alla Commissione europea, per sanare il quadro delle carenze.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza