Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Federparchi, ampliamento parco Val Grande aspetta da 3 anni

Federparchi, ampliamento parco Val Grande aspetta da 3 anni

Sammuri, parchi nazionali Portofino e Matese attendono dal 2017

ROMA, 28 febbraio 2023, 14:20

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'ampliamento del Parco nazionale della Val Grande (nella provincia Verbano - Cusio - Ossola in Piemonte, n.d.r.) è stato concordato all'unanimità da tutti i Comuni interessati, quelli che ci stanno già dentro e quelli che ci devono entrare. Sono 6.000 ettari di ampliamento condiviso.
    Ma da tre anni rimane nei cassetti, non viene fatto il decreto del Presidente della Repubblica. Su questi temi dobbiamo velocizzare". Lo ha detto il presidente di Federparchi, Giampiero Sammuri, in audizione davanti alla Commissione Ambiente della Camera sulla gestione delle aree protette.
    Sammuri ha ricordato "l'annosa questione dei parchi nazionali di Portofino (in Liguria, n.d.r.) e del Matese (in Campania, n.d.r.), che dal 2017 non sono ancora stati istituiti". Il presidente di Federparchi ha chiesto "maggiore velocità nelle nomine nei parchi nazionali. Oggi ne abbiamo 4 commissariati, ma ne abbiamo avuti anche 11".
    Le aree protette in Italia a suo avviso "non hanno problemi di fondi, finanziamenti ne hanno, ma hanno un problema burocratico enorme. In Europa i parchi hanno un budget e possono decidere come spenderlo, in Italia no. E così spesso hanno risorse che non spendono". Infine, secondo Sammuri "il sistema dei parchi andrebbe gestito in maniera complessiva, con i nazionali e i regionali insieme, come si faceva fino a vent'anno fa con il Piano triennale. Poi è stato abbandonato, e da allora ognuno procede a compartimenti stagni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza