Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rifiuti: allarme Ue, quelli pericolosi crescono ancora

Rifiuti: allarme Ue, quelli pericolosi crescono ancora

Corte dei Conti europea, solo il 50% viene riciclato.

BRUXELLES, 16 gennaio 2023, 17:46

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Già protagonisti di gravi episodi criminali e di attentati alla salute pubblica anche in Italia, i rifiuti pericolosi prodotti nell'Ue continuano a crescere costantemente dal 2004 nonostante la misure adottate per ridurli. Questo l'allarme lanciato dall'analisi condotta dalla Corte dei conti europea e resa nota oggi.
    "I metodi da preferire per occuparsi dei rifiuti pericolosi sono il riciclo e il recupero di energia", ha detto Eva Lindström, il membro della Corte dei conti europea responsabile dell'analisi.
    "Si dovrebbe ricorrere allo smaltimento solo come estrema risorsa. Ciononostante, oltre il 50 % del totale dei rifiuti pericolosi dell'Ue viene ancora smaltito".
    Il modo migliore di far fronte alla questione, ricorda la Corte dei Conti Ue, è in primo luogo far sì che i rifiuti pericolosi non vengano prodotti.
    La Corte sottolinea inoltre che classificare e tracciare adeguatamente i rifiuti pericolosi aiuterebbe a prevenire trattamenti impropri e scorciatoie illecite, pur rilevando che i rifiuti pericolosi vengono classificati in modi differenti negli Stati membri.
    Secondo alcune stime, i ricavi annuali per il traffico illecito dei rifiuti pericolosi si attestano tra 1,5 e 1,8 miliardi di euro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza