Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Copernicus, estate un pò più piovosa e calda della media

Copernicus, estate un pò più piovosa e calda della media

Ma le piogge non segneranno una svolta rispetto alla siccità

MILANO, 11 maggio 2023, 16:12

Redazione ANSA

ANSACheck

L'estate 2023 potrebbe essere leggermente più calda e piovosa della media sull'Europa meridionale, Italia compresa: lo indicano le prime previsioni meteo stagionali elaborate dal Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service, C3S), implementato dal Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine per conto della Commissione europea, con il finanziamento dell'Ue.
    Secondo l'ultimo bollettino aggiornato agli inizi di maggio, cresce la probabilità che si verifichino precipitazioni superiori alla media sull'Europa meridionale per l'intera estate (giugno-agosto). Nel complesso le anomalie previste sono contenute, con quantitativi di pioggia che non dovrebbero marcare una differenza significativa rispetto alle condizioni di siccità preesistenti in queste regioni.
    Per quanto riguarda le temperature, si prospettano valori stagionali superiori alla media ovunque, soprattutto nell'Europa meridionale e occidentale, ma nel complesso le previsioni non sembrano essere più preoccupanti di quelle che erano state fatte per l'estate scorsa.
    Al momento i dati che arrivano dall'oceano Pacifico equatoriale indicano come quasi certo lo sviluppo di El Nino durante la seconda parte del 2023, ma gli effetti probabilmente non saranno visibili prima della fine dell'estate.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza