Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Allarme smog in Ue, oltre 1200 vittime tra i ragazzi

Allarme smog in Ue, oltre 1200 vittime tra i ragazzi

Agenzia per l'ambiente, la Pianura Padana tra le aree peggiori

BRUXELLES, 24 aprile 2023, 16:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Allarme smog in Europa e in Italia, dove la Pianura Padana si conferma tra le aree più inquinate del vecchio continente. I numeri stavolta riguardano però i ragazzi: ogni anno oltre 1.200 minori sono vittime dell'inquinamento accumulato nei ventisette Paesi Ue e in Islanda, Norvegia, Svizzera e Turchia. La stima arriva dall'Agenzia europea dell'Ambiente che, nel suo ultimo rapporto, reclama dai governi politiche specifiche per la protezione di bambini e adolescenti, come la creazione di "zone di aria pulita" intorno alle scuole.
    Nei pressi degli istituti scolastici di verde in Europa al momento ce n'è infatti ben poco. In media, stando ai dati, poco più del 10% dell'area entro un raggio di 300 metri dalle strutture educative è green, e solo il 6% è coperto da alberi.
    Le scuole con i dintorni più verdi tendono ad essere nel nord Europa. In Italia, in città come Milano, Bari e Napoli meno del 5% dell'area entro 300 metri dalle scuole è verde. Va meglio a Roma, Firenze e Bologna, dove la percentuale è tra il 5 e il 10%.
    Ma il nostro Paese non se la cava affatto bene nemmeno in generale. Cremona è tra le città europee con la più alta concentrazione di particolato sottile nell'aria (Pm2,5), piazzandosi al 372esimo posto. Peggio fanno solo le stazioni di monitoraggio di Piotrkow Trybunalski e Nowi Sacz, in Polonia, e di Slavonski Brod in Croazia. Padova è 367esima. Bergamo, Piacenza, Brescia e Venezia occupano le posizioni dalla 356 alla 359, Milano la 349. Roma è 257esima, Napoli 241esima. Scorrendo la classifica dal basso in alto, Genova è la prima città italiana con una qualità dell'aria definita accettabile (158esimo posto). Nello stesso gruppo, Livorno (33esima) e Sassari, con i dati migliori d'Italia, al 16esimo posto. Faro, in Portogallo, e le città svedesi di Umea e Uppsala, sono state classificate come le città con l'aria più pulita nell'Ue.
    La Pianura Padana si conferma del resto tra le regioni europee con i più alti livelli di particolato (Pm10 e Pm2.5) nell'atmosfera. Elevate concentrazioni di particolato si riscontrano anche nell'Europa centro-orientale, principalmente a causa dell'uso del carbone per il riscaldamento e la produzione industriale. Il biossido di azoto, le cui emissioni sono causate principalmente dal traffico, caratterizza l'aria di tutte le più grandi città del Continente, mentre alte concentrazioni di ozono interessano soprattutto l'Italia e il bacino del Mediterraneo per via del ruolo dell'irradiazione solare e del calore nella formazione di questo gas.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza