Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lo stretto di Messina la prima rotta al mondo per 4 rapaci

Lo stretto di Messina la prima rotta al mondo per 4 rapaci

Wwf, in un solo giorno fino a migliaia lo attraversano volando

ROMA, 02 aprile 2023, 13:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo stretto di Messina è la rotta primaverile più importante al mondo per 4 specie di rapaci: albanella pallida, grillaio, falco cuculo e lodolaio; in un solo giorno fino a migliaia volano sullo stretto. Lo ricorda il Wwf che ha consegnato a Messina riconoscimenti a tutte le forze dell'ordine per il loro impegno A difesa della natura e della legalità. Sullo Stretto sono stati censiti ben 328 specie di uccelli.
    "Nel 1984, anno del primo campo, contammo 3.198 rapaci contro ed udimmo 1.187 spari. Nel 2022, 52.289 rapaci e zero spari. Oggi il falco pecchiaiolo nidifica dove una volta veniva impallinato" racconta Anna Giordano del Wwf che nel 1984 cominciò la battaglia contro il bracconaggio. Gli studi hanno dimostrato che i migratori che passano sullo Stretto sono quelli che in mezzo pianeta affrontano le più ampie distese di ambienti ostili: 2.700 km di deserto (Sahel e Sahara) e non meno di 140 km di mare (il canale di Sicilia). La mortalità in questi ambienti è altissima. Dal 3 aprile al 13 maggio 2006 il radar della stazione ornitologica svizzera ha censito 4 milioni e 300 mila uccelli in volo di notte sullo Stretto di Messina. L'evento al quale hanno preso parte Carabinieri forestali, polizia municipale, questore e Prefetto della città, si è concluso con la liberazione di 2 rapaci curati presso il CRFS di Messina
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza