Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Onu, l'innalzamento dei mari inghiotte futuro di milioni persone

Onu, l'innalzamento dei mari inghiotte futuro di milioni persone

Guterres, rischio esodi biblici di chi vive sulle coste basse

ROMA, 15 febbraio 2023, 15:22

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

"L'innalzamento dei mari sta inghiottendo il futuro di milioni di persone nel mondo", ha detto il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, tornato a lanciare l'allarme sul deterioramento del clima e dell'ambiente nel corso di una riunione all'Onu sulle implicazioni per la pace e la sicurezza per l'innalzamento del livello delle acque. "Questa non è solo una minaccia in sé - ha spiegato -. È un moltiplicatore di minacce". E' un fenomeno che porta con sé un "diluvio di problemi", in particolare per le centinaia di milioni di persone che vivono nei piccoli Stati insulari in via di sviluppo e in altre aree costiere basse in tutto il mondo, le cui vite possono essere compromesse per la mancanza di accesso all'acqua, al cibo e all'assistenza sanitaria.
    Dopo aver ricordato che oltre 900 milioni di persone, una su dieci sulla Terra, vivono nelle zone costiere basse, Guterres ha evidenziato come le devastazioni create dall'acqua di mare che si infiltra nelle colture sono già visibili da Vanuatu alla Somalia. Ciò, ha avvertito, può rappresentare il rischio di un imminente "esodo delle popolazioni su scala biblica" e di feroci competizioni per l'acqua, che scaturiscono in situazioni di instabilità e conflitto. Il Segretario Generale ha passato in rassegna i paesi più a rischio come Bangladesh, Cina, India e Paesi Bassi sottolineando che l'impatto di questo scenario si potrebbe riverberare anche sulle megalopoli di tutti i continenti, da Lagos, Bangkok, Dhaka, Giacarta a Mumbai, Shanghai e New York.
    Sulla base di recenti dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale si rileva che il livello medio globale del mare è aumentato più velocemente dal 1900 rispetto a qualsiasi secolo precedente negli ultimi tremila anni. Inoltre, l'oceano si è riscaldato più velocemente nel secolo scorso che in qualsiasi momento negli ultimi undicimila anni e l'Organizzazione avverte che anche un riscaldamento globale miracolosamente limitato a 1,5 gradi Celsius non impedirebbe un aumento significativo del livello del mare. Infatti, gli esperti spiegano che l'aumento della temperatura, anche solo di una frazione di grado, porta a una crescita esponenziale del livello del mare, così come lo scioglimento dei ghiacci, ormai quasi 270 miliardi di tonnellate perse ogni anno in Groenlandia, minaccia anche i bacini fluviali dell'Himalaya, causando le gravi inondazioni del Pakistan e la futura atrofia dei grandi fiumi dell'Asia.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza