Cibo: lotta allo spreco condizione per ripresa sostenibile

Il ruolo di imprese e filiere al convegno organizzato da ASviS

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 30 SET - Il ruolo delle imprese per sistemi agroalimentari sostenibili; il ruolo delle reti, delle pratiche e delle politiche locali del cibo; le perdite, le eccedenze e lo spreco alimentare, verso una dieta sana e sostenibile. Questi i temi che sono stati al centro del convegno "Food Systems Summit 2021: risultati e prospettive per l'Italia", organizzato da ASviS, l'Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, nell'ambito della quinta edizione del Festival dello sviluppo sostenibile, e realizzato con il contributo del gruppo di lavoro ASviS sul Goal 2, coordinato dal professor Angelo Riccaboni, presidente del Santa Chiara Lab - Università di Siena, e dal professor Gian Paolo Cesaretti, presidente della Fondazione Simone Cesaretti. Temi sui quali l'Italia in questi mesi ha lavorato in vista degli appuntamenti internazionali appena conclusi: il G20 a presidenza italiana sull'agricoltura e il Food systems summit. Nei diversi panel sono stati presentati e dibattuti i risultati dei tre gruppi di lavoro attivati presso il ministero degli Affari esteri, guidati rispettivamente da Angelo Riccaboni, per il tema imprese; da Giaime Berti, Scuola Superiore Sant'Anna, per il tema reti e politiche locali; da Andrea Segrè, Università di Bologna, per il tema dello spreco di cibo. In ogni sessione sono stati presentati casi di imprese, esperienze e testimonianze di buone pratiche sostenibili.
    Presentati inoltre i primi risultati della raccolta di progetti e buone pratiche relativi a sistemi alimentari sostenibili ospitati sulla piattaforma POI (Prima Observatory on Innovation), sviluppata dal Santa Chiara Lab-Univ. di Siena e dal Segretariato Italiano di Prima. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA