Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Motus-E, 6 miliardi da riciclo batterie auto elettriche

Motus-E, 6 miliardi da riciclo batterie auto elettriche

Ricerca con Politecnico Milano, ricavi in Europa al 2050

ROMA, 01 marzo 2023, 18:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo studio "Il riciclo delle batterie dei veicoli elettrici @2050", presentato oggi a Milano da Motus-E, Strategy& e Politecnico di Milano, stima che potrebbero essere poco più di 6 miliardi di euro al 2050 i ricavi generati in Europa dalla vendita di nichel, cobalto e litio riciclati.
    L'Italia secondo la ricerca può inserirsi in questo business per dare vita a una nuova filiera industriale, forte di una conclamata esperienza trasversale nel riciclo. Considerando solo le batterie delle auto elettriche che si troveranno già sul territorio nazionale, e senza contare tutto l'indotto del comparto, i ricavi di questa attività si attesteranno nella Penisola tra i 400 e i 600 milioni di euro, con una vertiginosa prospettiva di aumento al naturale crescere del parco elettrico circolante. Il giro d'affari può espandersi ulteriormente, e più velocemente, anche importando accumulatori da riciclare dall'estero.
    Complici i nuovi target Ue sul contenuto minimo di riciclato nelle batterie dei veicoli elettrici, al 2050 l'analisi stima circa 3,4 milioni di tonnellate di batterie a fine seconda vita pronte per essere riciclate in Europa, a fronte di una capacità di riciclo che non supera oggi le 80.000 tonnellate all'anno.
    Lo spazio per fare industria e creare nuovi posti di lavoro, secondo la ricerca, è enorme. Oltre a dare vita a un'articolata filiera tutta nuova, con tutti i benefici economici, occupazionali e ambientali collegati, riciclare queste batterie vuol dire anche rendersi più indipendenti sull'estrazione e la lavorazione delle relative materie prime, potendo fare leva su risorse presenti "in casa" e già raffinate, pronte per essere reimmesse nel processo produttivo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza