Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Accordo Eni-Saipem, biocarburanti sulle navi da perforazione

Accordo Eni-Saipem, biocarburanti sulle navi da perforazione

Previsto il risparmio di 550mila tonnellate di C02 all'anno

MILANO, 22 febbraio 2023, 19:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Eni Sustainable Mobility (gruppo Eni) e Saipem hanno firmato un protocollo d'intesa per l'impiego di carburanti di natura biogenica sui mezzi navali di perforazione e costruzione di Saipem, con particolare riferimento alle operazioni nell'area del mare Mediterraneo. Lo annunciano i due gruppi in una nota congiunta in cui viene indicato che la flotta di Saipem opera in tutto il mondo ed è composta da 45 mezzi navali per la costruzione e la perforazione e che l'accordo è una 'pietra miliare' (milestone) "a conferma dell'impegno reciproco nella diversificazione delle fonti energetiche e nella riduzione dell'impronta carbonica nelle operazioni offshore".
    Eni produce biocarburanti sin dal 2014, grazie alla riconversione delle raffinerie di Venezia e Gela in bioraffinerie, che dalla fine del 2022 sono palm oil free.
    Tramite la tecnologia proprietaria 'Ecofining' vengono trattate materie prime vegetali o di scarti animali e prodotti biocarburanti Hvo (olio vegetale idrogenato). "I biocarburanti - viene spiegato - sono uno dei pilastri del piano strategico Eni per il raggiungimento della carbon neutrality al 2050, attraverso un percorso di decarbonizzazione che punta all'abbattimento delle emissioni di processi industriali e prodotti".
    Per Saipem invece l'accordo rientra nell'ambito della realizzazione della strategia "per la riduzione delle emissioni Ghg" ed implementa, insieme alle altre iniziative e agli investimenti previsti dal piano strategico del Gruppo. Grazie all'utilizzo dei biocarburanti prodotti da Eni, Saipem punta a ridurre l'emissione di circa 550mila tonnellate di Co2 per anno, pari a circa il 60% delle sue emissioni di scopo totali annue.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza