Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Auto: Motus-E, su elettrico scarsa propensione a novità

Auto: Motus-E, su elettrico scarsa propensione a novità

"Narrazione negativa senza fondamento, incentivi sbagliati"

ROMA, 15 febbraio 2023, 14:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'Italia è l'unico paese in Europa che nel 2022 ha visto calare le vendite di auto elettriche, mentre in tutti gli altri paesi aumentavano. E questo è successo per varie ragioni: scarsa propensione alle nuove tecnologie, un clima di incertezza fra pandemia, guerra e inflazione, una narrativa negativa diffusa sull'elettrico, un sistema di incentivi sbagliato". Lo ha detto all'ANSA il segretario generale di Motus-E, l'associazione delle imprese della mobilità elettrica, Francesco Naso.
    Nel 2022, la Germania ha segnato un progresso delle immatricolazioni full electric del 32,3% (471.464 unità, quota di mercato al 18%), il Regno Unito del 40,1% (267.203 unità, share al 16,6%), la Francia del 25,3% (203.122 unità, share al 13,3%) e la Spagna del 30,6% (31.504 unità, share al 3,8%). In Italia lo scorso anno il calo è stato del 27,1%, a 49.058 unità, con la quota di mercato al 3,7%.
    "Si dice che l'auto elettrica nel suo ciclo vitale produca più CO2 di quella a motore endotermico, e questa affermazione è smentita da decine di studi - spiega Naso -. Si dice che le batterie pongano problemi di smaltimento, mentre una volta usurate possono essere usate per gli accumuli delle rinnovabili, e alla fine riciclate. Si dice che non ci siano abbastanza punti di ricarica, ma 2/3 degli italiani ha un posto auto in garage o in parcheggio condominiale: le colonnine sono oltre 36.000, nel 2022 sono aumentate del 41%, in città ogni abitante ha 600 punti di ricarica a disposizione nel raggio di 10 chilometri".
    Naso contesta l'affermazione che l'auto elettrica distrugga posti di lavoro in Italia nel settore automotive: "Tutto il mondo va verso l'elettrico, andare in quella direzione è l'unico modo per salvare l'occupazione". Secondo Motus-E è da rivedere anche il sistema degli incentivi: "Non ha senso mettere a 45.000 euro il prezzo massimo per accedere agli incentivi per un'auto a benzina o ibrida, e a 35.000 per un'elettrica. E poi perché non incentivare le flotte elettriche aziendali, che fanno aumentare le vendite e creano mercato dell'usato?".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza