Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Asvis, 10 raccomandazioni per la finanza sostenibile

Asvis, 10 raccomandazioni per la finanza sostenibile

A partire dagli incentivi per finanziare una transizione giusta

ROMA, 19 gennaio 2023, 15:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dalla tassonomia al Pnrr, sono dieci le raccomandazioni dell'Asvis-Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile nel nuovo position paper 'Finanza per lo sviluppo sostenibile'. La prima indicazione è quella di finanziare la transizione giusta con strumenti come "un sistema di incentivi commisurati al raggiungimento da parte delle aziende degli obiettivi di decarbonizzazione, eventualmente negoziabili in un mercato con l'assistenza di una garanzia pubblica".
    La seconda raccomandazione punta a favorire la finanza d'impatto e gli investimenti sostenibili rafforzando gli strumenti di regolazione a partire dalla tassonomia. La terza invita quindi ad adottare le tecniche della finanza di impatto e dare impulso alla tassonomia per gli obiettivi sociali, oltre che per quelli ambientali. Segue la raccomandazione di modificare i modelli di business degli operatori finanziari, per esempio rafforzando i processi di identificazione dei rischi Esg e la loro quantificazione nei modelli di rischio.
    Il punto cinque mira ad accelerare nell'adozione delle direttive europee sul reporting di sostenibilità, per consentire a imprese e sistema finanziario di adattarsi al nuovo contesto in tempi brevi. Il sesto è dedicato al consolidamento degli strumenti di finanza pubblica europea per la sostenibilità verso l'utilizzo del bilancio europeo, del finanziamento comune attraverso debito comune e della tassazione ambientale europea per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
    Gli ultimi quattro punti riguardano l'utilizzo del Pnrr per sviluppare la capacità di progettazione delle amministrazioni pubbliche, la promozione della finanza per il consumo sostenibile, la regolamentazione per la sostenibilità dei consumi e l'utilizzo della finanza per raggiungere obiettivi di parità di genere.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza