Auto: Greenpeace, no a rinvio al 2040 bando motori termici

Consiglio Ambiente Ue il 28, proroga chiesta da 5 paesi

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Alla vigilia del Consiglio Ambiente Ue che si terrà martedì 28, Greenpeace Italia scrive in un comunicato che "non ritiene accettabile la proposta di cinque Paesi europei, inclusa l'Italia, di rinviare al 2040 lo stop alle vendite di auto a motore endotermico approvato dal Parlamento europeo al 2035".
    «Lo stop alle auto a benzina e diesel al 2035 è già tardi se l'Europa vuole davvero rispettare gli obiettivi dell'Accordo di Parigi», dichiara Federico Spadini di Greenpeace Italia.
    «Rimandare ulteriormente la transizione del settore automotive è un grave errore, perché danneggerebbe il clima e anche la nostra economia. Chiediamo al governo italiano e ai governi europei di non perdere l'occasione di mettere fine all'era delle auto inquinanti e di vietare le vendite ben prima del 2035. Dobbiamo accelerare la transizione all'elettrico, lo sviluppo delle fonti rinnovabili e delle relative infrastrutture e le forme di mobilità alternativa. Il governo italiano smetta di farsi influenzare dall'industria dei combustibili fossili e scelga ciò che è meglio per l'ambiente e per la nostra economia».
    Greenpeace chiede che il phase-out per i motori endotermici in Europa avvenga entro il 2028, per rispettare gli impegni di decarbonizzazione del continente. Un recente studio di Greenpeace Germania ha calcolato che anticipare lo stop alle vendite dei veicoli a diesel e benzina al 2028 porterebbe a un risparmio di 635 miliardi di euro per i consumatori europei, riducendo il consumo di petrolio di 540 milioni di tonnellate e le emissioni di CO₂ di 1,7 miliardi di tonnellate. Anche in Italia, fermare la vendita delle auto fossili nel 2028 farebbe risparmiare 51 milioni di tonnellate di petrolio, 162 milioni di tonnellate di CO₂ e 66 miliardi di euro. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA