Ocse: obiettivi 2030 ancora lontani, restano disuguaglianze

Nuovo rapporto sullo stato di avanzamento dell'Agenda

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Nonostante i progressi compiuti dall'adozione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dei suoi 17 obiettivi, i paesi dell'Ocse hanno raggiunto o stanno per raggiungere solo un quarto degli obiettivi per i quali è possibile valutare le prestazioni. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione sugli obiettivi ambientali.
    Praticamente tutti i paesi dell'Ocse stanno già assicurando i bisogni economici di base e implementando gli strumenti politici e i quadri menzionati nell'Agenda 2030. Ma i progressi su questioni come garantire che nessuno venga lasciato indietro, ripristinare la fiducia nelle istituzioni e limitare le pressioni sull'ambiente naturale, sottolinea il rapporto, sono "ancora fuori strada".
    Se infatti da una parte i Paesi hanno sradicato la povertà estrema, dall'altra "la maggior parte di loro deve fare di più per ridurre la privazione in modo più ampio. Donne, giovani adulti e migranti devono affrontare sfide maggiori rispetto al resto della popolazione e, nonostante alcuni progressi, i diritti e le opportunità delle donne sono ancora limitati sia nella sfera privata che in quella pubblica". Inoltre, comportamenti malsani come la malnutrizione e il consumo di tabacco, che sembrano essere più comuni tra i gruppi socioeconomici bassi, e le disparità nell'istruzione sin dai primi anni di vita, tendono ad esacerbare le disuguaglianze.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA