Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sisma: storico Univaq,in Siria e Turchia prevenzione assente

Sisma: storico Univaq,in Siria e Turchia prevenzione assente

Feniello, deregulation non ha fatto tesoro di memoria storica

L'AQUILA, 23 febbraio 2023, 09:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il sisma recente che ha devastato Siria e Turchia ha colpito un'area "da tempo immemore interessata a terremoti" eppure le comunità locali "non sembrano aver conservato memoria storica di eventi passati". A parlare è il professore Amedeo Feniello, docente di Storia medievale all'Università dell'Aquila e autore di "Demoni, venti e draghi", un libro che rende giustizia degli sforzi delle grandi civiltà del XIV secolo per far fronte a una serie di eventi naturali drammatici e devastanti: pestilenze, inondazioni, piccole glaciazioni, carestie. Un libro che conduce alla riscoperta di una grande lezione di cui non si è fatto tesoro, così come di tanti insegnamenti del passato.
    "Da Instanbul al territorio di Tessalonica, l'attuale Salonicco - ricorda Feniello - per arrivare alle aree occupate dalla popolazione curda, i riferimenti letterari a eventi sismici sono molteplici. Eppure, malgrado in Turchia si registri un tentativo di riformare le leggi in materia di sicurezza sismica, l'ingente distruzione testimonia una deregulation generale che ha visto costruzioni cadere come castelli di carta. Ho vissuto il terremoto all'Aquila, la storia, fra tanti errori, è stata diversa". In Siria il sisma si sovrappone anche a una serie di conflitti la cui origine è tutt'altro che recente. "Assistiamo da decenni - sottolinea il prof Univaq - a uno scontro endemico, frutto della definizione maldisegnata dei confini dopo la Prima guerra mondiale, con un territorio 'parcellizzato'. Si tratta di aree che hanno registrato tragedie come il genocidio degli armeni. Varie faglie che si incontrano vanno poi a colpire territori che hanno visto eventi significativi per la nascita del Cristianesimo, ponti centrali degli imperi romano, bizantino e ottomano. Prioritario ora - valuta Feniello - salvare vite umane ma sarà poi importante pensare al recupero di gioielli Unesco".
    Una corsa contro il tempo per gli aiuti. "Valuto questa cosa da uomo ancora prima che da docente - conclude - credo che sia prioritario garantire beni e risorse, senza fare resistenze così come ha tentato di fare il regime di Assad. Aggiungo anche che a distanza di qualche migliaio di chilometri si sta combattendo una guerra senza senso per difendere confini, con matrice ottocentesca, quando qui centinaia di migliaia di persone dovranno emigrare. Doveroso difendere l'Ucraina, ma le risorse migliori dovrebbero essere destinate ad aiutare la gente martoriata dal sisma".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza