Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Blitz per demolire inferriate a Rancitelli, rabbia residenti

Blitz per demolire inferriate a Rancitelli, rabbia residenti

A via Lago di Capestrano, per Ater sono abusive

PESCARA, 29 febbraio 2024, 12:51

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un vero e proprio blitz con tanto di dispiegamento di Forze dell'ordine stamattina in Via Lago di Capestrano, nel quartiere di Rancitelli a Pescara, per l'esecuzione, su disposizione dell'Ater, della demolizione dei cancelli e delle inferriate che delimitano alcuni palazzi popolari.
    Residenti increduli nel vedere operai al lavoro per smantellare quello che da tutti era considerata una sorta di protezione, senza per altro alcun preavviso: "Una decina di giorni fa ci avevano detto che avrebbero dovuto demolire queste strutture, ritenute abusive - ci dice un residente - ma che al momento non c'era nulla di concreto e ci avrebbero fatto sapere, ed invece, questa mattina, ci siamo ritrovati in questa situazione".
    L'Ater sostiene che queste inferriate sono abusive e che già da tempo andavano buttate giù: "A noi risulta invece - sempre secondo i residenti - che su queste costruzioni sia stata fatta una sanatoria una quarantina di anni fa, ma non si ritrova la documentazione".
    E così stamattina, oltre agli operai, anche Polizia, carabinieri, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e Polizia Locale a presidiare l'improvvisato cantiere: "Nemmeno fossimo tutti delinquenti - dice ancora un residente - tra l'altro queste inferriate rappresentavano per noi una sorta di protezione da tossici e balordi che al contrario, ora, possono tranquillamente rifugiarsi sotto i portici o perfino entrare nei portoni come già accaduto in alcuni palazzi dove nell'androne troviamo di tutto."
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza