Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Perseguita minorenne e brucia auto della madre, condannato

Perseguita minorenne e brucia auto della madre, condannato

Cinque anni di molestie tra telefonate e pedinamenti

SULMONA, 20 febbraio 2024, 16:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due anni e sei mesi di reclusione, pagamento delle spese processuali e risarcimento in sede civile: è questa la condanna inflitta dal giudice del tribunale di Sulmona, Francesca Pinacchio, ad un 43 enne di Foggia, residente in Alto Sangro, finito sotto processo per aver perseguitato una giovanissima del posto.
    I fatti risalgono al periodo 2016-2021. Secondo l'accusa, da quando la vittima aveva solo 14 anni, l'uomo avrebbe cominciato a frequentarla, guadagnando le sue attenzioni. Poi la fine della storia che avrebbe dato vita a cinque anni di persecuzioni, telefonate e pedinamenti fino a quando il 43 enne bruciò l'auto di proprietà della madre della persona offesa. Una situazione divenuta ingestibile che spinse i familiari della ragazza a denunciare tutto ai carabinieri. L'uomo venne arrestato.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza