Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il sax di Jan Garbarek nell'anfiteatro di Alba Fucens

Il sax di Jan Garbarek nell'anfiteatro di Alba Fucens

Stella del jazz il 31/7 ospite a Festiv'Alba con Pfm e Mannarino

MASSA D'ALBE, 07 aprile 2023, 11:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il leggendario sassofonista norvegese Jan Garbarek, tra i protagonisti negli ultimi 50 anni di storia del jazz europeo, suonerà nell'anfiteatro romano di Alba Fucens (in provincia dell'Aquila) il 31 luglio alle 21.15.
    Ad accompagnarlo ci saranno compagni di lunga data come il pianista e tastierista tedesco Rainer Brüninghaus e il bassista brasiliano Yuri Daniel, ma anche un ospite d'eccezione, il percussionista indiano Trilok Gurtu. Garbarek è il terzo ospite annunciato di Festiv'Alba, la kermesse che ospiterà anche la Premiata Forneria Marconi (martedì 1 agosto) e Mannarino (domenica 6 agosto) sempre nell'anfiteatro.
    "La voce umana è il mio ideale", dice Jan Garbarek, ed è altamente improbabile che un sassofonista si avvicini così tanto alla realizzazione di quell'ideale come questo musicista norvegese. È il contrasto tra gli elementi simili a canzoni e poetici, la semplicità e l'intensità delle improvvisazioni libere con altri musicisti, che definisce in modo unico il suono di Jan Gabarek. I musicisti che lo accompagnano, contribuiscono ciascuno a modo suo: al pianoforte, Rainer Brüninghaus, che lo accompagna ormai da anni, Trilok Gurtu, un estatico mago su vari strumenti a percussione proveniente dall'India e il brasiliano Yuri Daniel al basso. Garbarek è indubbiamente un viaggiatore del mondo musicale, che ha respirato i venti di tutti i suoni che si sono fatti strada in tutti questi anni.
    Innumerevoli musicisti sono stati influenzati dal suono di questo sassofonista. Invece che adagiarsi su questo, e al contrario della sua "auto-dichiarata pigrizia", Jan Garbarek all'età di 76 anni si batte ancora per avere esperienze musicali nuove e sempre migliori, preferibilmente "live" in concerto: "Cerco solo di suonare ciò che io stesso vorrei ascoltare - sottolinea -. Mettiamola così: io non sono Elvis Presley. Non posso prevedere o anticipare ciò che prova l'ascoltatore. Ma quando i musicisti sentono che sono dentro al ritmo, è un incantevole momento di pura felicità. Quella sensazione è assoluta euforia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza