Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giansanti (Confagricoltura), Italia deve produrre 100% cibo

Giansanti (Confagricoltura), Italia deve produrre 100% cibo

Da noi eccellenze ma non siamo capaci di dirlo al mondo

SAN BENEDETTO DEIMARSI, 06 aprile 2023, 13:13

Redazione ANSA

ANSACheck

"L'agricoltura è lo scheletro d'Italia, senza la campagna è un paese che non esiste. L'Italia oggi produce il 75% di quello che mangia, ma dobbiamo metterci nelle condizioni di produrre il 100%. Per esempio qui dalla Marsica possiamo dire che siamo leader mondiali nella produzione del finocchio, e che siamo in una terra d'eccellenza, ma molti non lo sanno e non ci gratifichiamo di questo. I tedeschi per molto meno si esaltano e noi invece non siamo capaci di dirlo al mondo". Lo ha affermato il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti durante l'inaugurazione del nuovo stabilimento 'Lago d'Oro' di San Benedetto dei Marsi, che è la più grande azienda europea di trasformazione e lavorazione dei finocchi.
    "E' anche vero però - ha poi spiegato "che siamo stati capaci anche di rimettere al centro della politica il nostro settore, di far tornare l'agricoltura al centro del dibattito, e che quindi ora c'è un Governo che ci ascolta".
    Giansanti ha poi ribadito che "il made in Italy è bello, ma non mi piace essere secondo dietro la Germania. Nella riunione interministeriale con MIse e Agricoltura dei giorni scorsi abbiamo posto 10 punti, che vanno dal carrello della spesa a leggi che garantiscano un equo reddito a tutta la filiera, passando per un rafforzamento delle politiche di export".
    A ciò bisogna aggiungere le politiche di formazione del personale, e l'innovazione digitale "che è fondamentale per i piccoli come per i grandi imprenditori. E complessivamente un grande piano di comunicazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza