Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gioielleria rapinata all'Aquila, in quattro agli arresti

Gioielleria rapinata all'Aquila, in quattro agli arresti

Dipendenti minacciati con pistola,presi orologi per 100mila euro

L'AQUILA, 16 marzo 2023, 13:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Quattro persone tra i 40 e i 50 anni sono state arrestate dal personale della Squadra Mobile dell'Aquila perché ritenute responsabili della rapina avvenuta il 27 gennaio scorso ai danni della gioielleria Ranieri, in pieno centro storico. Le misure cautelari sono arrivate al termine di una complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo abruzzese. I presunti autori, dopo aver sopraffatto i dipendenti minacciandoli con una pistola, sottraevano diversi orologi, di marca Rolex, Omega e Tudor, per un valore complessivo di circa centomila euro. Dall'immediato sopralluogo del personale delle Volanti, della Polizia scientifica e della stessa Squadra Mobile, era stato possibile rilevare la presenza di numerose telecamere, che hanno consentito di verificare i possibili percorsi di fuga dei rapinatori. Da questi e da pochi altri elementi di partenza gli investigatori hanno ottenuto i primi spunti per identificare i presunti autori della rapina.
    Grazie alle successive analisi tecniche e alle perquisizioni autorizzate dalla Procura, il personale della Mobile è riuscito a ottenere riscontri oggettivi alle informazioni confidenziali e agli spunti forniti dalle Squadre Mobili delle province limitrofe per identificare i presunti autori della rapina e ottenere elementi a loro carico, successivamente vagliati dall'autorità giudiziaria. Il Gip ha così disposto ordinanze di custodia cautelare per tre indagati, mentre un quarto complice è stato posto ai domiciliari.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza