Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rigopiano: in bici da Verona al resort per chiedere giustizia

Rigopiano: in bici da Verona al resort per chiedere giustizia

Fratello vittima arriverà per il 23 febbraio giorno sentenza

PESCARA, 16 febbraio 2023, 11:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"'Verona-Rigopiano solo andata', perché Stefano non è mai tornato". Questo lo slogan sul giubbotto che Andrea Feniello, fratello di Stefano - una delle vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano di Farindola che il 18 gennaio 2017 venne travolto da una slavina provocando 29 morti - porterà con sé, in una pedalata in bici da Verona fino a quel che resta delle macerie del resort. La partenza di Feniello è prevista per il 18 febbraio dalla città in cui vive, Verona, con arrivo a Rigopiano il 23 febbraio, nel giorno della sentenza del processo al tribunale di Pescara nei confronti di 30 imputati.
    Una pedalata che, come spiega Andrea Feniello, rappresenta "un gesto simbolico per chiedere verità e giustizia sulla morte di mio fratello e delle altre vittime dell'hotel Rigopiano".
    Gli imputati sono accusati a vario titolo dei reati di disastro colposo, omicidio plurimo colposo, lesioni, falso, depistaggio e abusi edilizi. "Mio fratello e le altre vittime sono state uccise a Rigopiano. Il nostro dolore - aggiunge Feniello - è anche una richiesta di aiuto alla magistratura affinché la giustizia faccia il suo corso e punisca i responsabili di una tragedia che si doveva e poteva evitare".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza