Coronavirus: esposto Cgil,perché no tampone a tutti sanitari

Sindacato a Procura L'Aquila, verifiche anche su dpi a personale

(ANSA) - L'AQUILA, 23 MAR - Una segnalazione-esposto alla Procura della Repubblica dell'Aquila per 'mancata esecuzione del prelievo tampone a tutti gli operatori, ancorché asintomatici, della sanità Pubblica e Privata, utilizzo dei dpi e procedure aziendali per la gestione dei pazienti affetti da Covid-19: l'ha presentata la Cgil dell'Aquila "affinché si verifichino - si legge - le motivazioni della mancata esecuzione dei tamponi" per interrompere "ogni possibile catena di trasmissione del virus mediante individuazione di tutti i possibili casi sospetti e probabili, ancorché asintomatici, intervenendo con tutte le azioni necessarie così come previste dalle norme di Legge".
    Il segretario generale Cgil L'Aquila, Francesco Marrelli, e il segretario della Fp Cgil aquilana, Anthony Pasqualone, fanno sapere che "continuano a giungere segnalazioni circa l'insufficiente/inesistente fornitura di idonei dispositivi di protezione individuale per il personale esposto con differenti modalità al rischio di contagio". "Chiediamo altresì di verificare le procedure attuate dalla Asl nella gestione dei pazienti affetti da Covid-19 con conseguente individuazione di tutte le misure tecnico-organizzative e procedurali atte a evitare l'esposizione al contagio di tutto il personale in servizio anche ai sensi e per gli effetti del Tusl".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie