Coronavirus: in Abruzzo tamponi a sanitari settori a rischio

Ipotesi base volontaria. Verì: stiamo rafforzando rete test

(ANSA) - L'AQUILA, 22 MAR - La Regione Abruzzo potrebbe varare una direttiva per effettuare tamponi a medici, infermieri ed operatori sanitari, con il criterio delle professioni più a diretto contatto con i pazienti o con i casi sospetti, quindi più a rischio, e su base volontaria: per questo, si sta organizzando la rete con la strutturazione di laboratori per i test anche nelle Asl dell'Aquila e Chieti, visto che a Pescara c'è il centro di riferimento regionale e a Teramo da lunedì opera l'istituto zooprofilattivo sperimentale dell'Abruzzo e del Molise. Lo fa intendere l'assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, della Lega, la quale comunica che si è parlato della misura nella riunione del comitato regionale emergenza-urgenza di ieri.
    "Nella riunione abbiamo affrontato queste e altre problematiche, ci saranno indicazioni operative, stiamo lavorando per una strumentazione a largo raggio per effettuare tamponi -spiega Verì -, e, una volta che ci siamo organizzati nelle varie aziende con una rete di alta complessità, si procederà. Lavoreremo anche sulle zone rosse e su alcuni comuni". Sui tamponi agli operatori da giorni ci sono pressanti richieste, polemiche e diffide legali. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie