Estate a Cortina tra sport, yoga, arte

Sulle Dolomiti anche un percorso ultratrekking

Redazione ANSA CORTINA

di Ida Bini (ANSA) - CORTINA, 08 LUG - Riparte la stagione estiva a Cortina d'Ampezzo, località tra le più famose e mondane delle cime dolomitiche, patrimonio dell'Umanità, in provincia di Belluno. La nuova cabinovia Tofana-Freccia nel Cielo riporta turisti e appassionati di montagna dal centro di Cortina a Col Druscié, a 1.778 metri d'altezza in soli 8 minuti, nel rispetto delle norme previste per la sicurezza. Qui, in mezzo alla natura della Tofana di Mezzo, la terza cima più alta delle Dolomiti con oltre 3.200 metri di quota, si possono fare escursioni in mountain bike e passeggiate seguendo i percorsi segnalati, fare arrampicate adrenaliniche o praticare ogni pomeriggio il "Forest bathing", letteralmente un "bagno di foresta" che permette di entrare in contatto con la natura camminando nel bosco e abbracciando gli alberi.
    Sempre in cima, sulla terrazza del ristorante Col Druscié 1778 si può praticare lo "Yoga ad alta quota", con lezioni e saluti al sole seguiti da una ricca colazione. E' possibile anche salire in quota solo per assaporare le specialità locali nelle baite e nei masi o per ammirare le stelle visitando l'osservatorio astronomico Helmut Ullrich. Ogni esperienza va prenotata soprattutto per le soste gastronomiche, come le "Astrocene" che uniscono la visita guidata da un esperto di astronomia alla cena sempre presso il ristorante Col Druscié 1778, oppure i pranzi con degustazioni dell'evento "Masi a tutto tondo", un viaggio alla scoperta dei vini locali con un esperto sommelier. Le prenotazioni si fanno scrivendo a: gastronomia@freccianelcielo.com Gli appassionati di vini e di buon cibo hanno solo l'imbarazzo della scelta: il Masi Wine Bar Al Druscié offre menu a base di vini pregiati ed eccellenze culinarie venete, mentre il ristorante Col Drusciè 1778 propone la degustazione di specialità locali sulla terrazza panoramica e showcooking all'aria aperta con vista su Cortina e sulle cime dolomitiche.
    Per l'occasione è stato creato il Cortina Vertical Pass, un ticket del Consorzio Skipass che permette di usare gli impianti di risalita, di entrare con la massima sicurezza nei rifugi e di partecipare ai tanti appuntamenti in quota. E' un biglietto da 3, 5 o 7 giorni da usare liberamente durante tutta l'estate e che assicura un'avventura al giorno: in sella alle due ruote, a piedi lungo i 400 chilometri di sentieri, lungo le ferrate e nelle tante palestre di arrampicata open air sempre all'insegna della sicurezza con sanificazioni e distanziamento sociale.
    Numerosi sono gli impianti già in funzione o che stanno per aprire: oltre al Tofana-Freccia nel Cielo ci sono quelli di Auronzo e Misurina, Pié Tofana-Duca d'Aosta, Duca D'Aosta/Pomedes e Rio Gere/Son Forca, Fedare e Gilardon/Roncato.
    Cortina-Colfiere-Col Druscié apre dal 15 luglio e Faloria dal 25 luglio. Tutti i rifugi si sono attrezzati per un'estate in sicurezza ma vanno sempre prenotati in anticipo. Tra i numerosi suggerimenti c'è quello del Gruppo Guide Alpine di Cortina e di Cortina Delicious che propongono 4 giorni di passeggiate da fare a piedi o in bicicletta elettrica, su ferrate o scalando le cime più famose della conca ampezzana, spostandosi in maniera autonoma ed ecosostenibile. E' possibile scegliere tra alcune date: dal 16 al 19 luglio, dal 6 al 9 e dal 27 al 30 agosto e dal 10 al 13 settembre. Sempre assieme alle Guide Alpine di Cortina e in collaborazione con il parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo è possibile partecipare a un trekking lento tra sabato 25 e domenica 26 luglio per scoprire l'area tra i passi Giau e Falzarego. Per informazioni e prenotazioni: www.guidecortina.com Chi ama fare canyoning o trekking ad alta quota nel Parco nazionale delle Dolomiti bellunesi ci sono numerose attrazioni come i bellissimi canyon rocciosi di Cornolade, Val Maor e Rio Maggiore al lago di Santa Croce Belluno. Nei pressi del borgo di Cornolade c'è una cascata bellissima e un torrente con stretti canyon dove l'acqua si incunea e forma le tipiche insenature, con numerose pozze e cascatelle; è un luogo magico, dove poter saltellare da una roccia all'altra e percorrere il tragitto dell'acqua. Fare canyoning in Val Maor, a poca distanza da Belluno, è un'esperienza indimenticabile, adatta a tutti: lungo il percorso d'acqua ci sono corridoi acquatici, cascate fragorose, strettoie rocciose e pozze d'acqua smeraldine. Vicino al lago di Santa Croce, infine, c'è Rio Maggiore, probabilmente il canyon più divertente di tutto il Veneto con salti e tuffi, mai troppo difficili, nella roccia biancorossa.
    Infine si segnala per gli amanti delle passeggiate il nuovissimo percorso ultratrekking a Cortina, diviso in 7 tappe con 6 notti di pernottamento in rifugi e nelle malghe tradizionali, dove è possibile anche degustare le prelibatezze locali. Il tracciato è lungo 132 chilometri e offre la possibilità di vivere le Dolomiti spostandosi di rifugio in rifugio, camminando tra boschi, fiumi, tipici villaggi ladini, laghi e cime montuose.
    Per maggiori informazioni: www.dolomiti.org Per chi ama l'arte il Lagazuoi Expo Dolomiti è nuovamente accessibile a visitatori ed escursionisti, grazie all'apertura della funivia: fino al 31 agosto la struttura espositiva, tra le più alte gallerie d'arte in Europa (è a 2.731 metri d'altezza), ospiterà la mostra del fotografo Olivo Barbieri, vincitore della prima edizione del Lagazuoi Photo Award. La stagione espositiva prosegue fino all'autunno inoltrato: dal 12 settembre al 22 ottobre va in scena un doppio reportage per una grande impresa, la conquista del K2, con la mostra "K2, sessant'anni dopo".
    (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie