G7, l'agenda scientifica per le Accademie di 7 Paesi

Dall'ambiente alla valutazione delle minacce alla salute globale

Redazione ANSA ROMA

Azioni volte a garantire un futuro a impatto zero, la salvaguardia della biodiversità e una sistema di valutazione comune per affrontare le minacce globali alla salute: sono questi i tre punti dell'agenda scientifica in vista del G7 di giugno, messa a punto dalle Accademie scientifiche di sette Paesi, compresa l'Italia con l'Accademia dei Lincei.

"Durante questa epidemia ci siamo tutti resi conto che è necessario ascoltare la voce della scienza in tempi di emergenza", dichiara il presidente dell'Accademia dei Lincei Giorgio Parisi. "E' ancora più importante ascoltarla prosegue - prima che le crisi diventino irreversibili. Le Accademie dei Paesi del G7 hanno prodotto tre ponderati documenti su temi fondamentali quali Futuro a impatto zero, Invertire la crisi in termini di biodiversità e Dati per le emergenze sanitarie internazionali. Auspichiamo che i governi affrontino questi temi nel prossimo G7 e prendano le misure concrete suggerite dalle Accademie".

Con i Lincei hanno messo a punto i documenti la Royal Society britannica e quella canadese, la francese Académie des sciences, la tedesca Nationale Akademie der Wissenschaften Leopoldina, il giapponese Science Council e la National Academy of Sciences degli Stati Uniti.

Quelli indicati dalle Accademie sono temi globali che richiedono una risposta globale e l'obiettivo è far sì che il 2021 possa essere l'anno di "una svolta storica per un rinnovato coordinamento globale sui cambiamenti climatici, invertire il declino della biodiversità e le emergenze sanitarie globali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA