Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nell’Artico microrganismi ibernati da 24.000 anni

Nell’Artico microrganismi ibernati da 24.000 anni

Sono i Rotiferi, sopravvivono azzerando il metabolismo

08 giugno 2021, 09:56

Redazione ANSA

ANSACheck

Un rotifero (fonte: Frank Fox da Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un rotifero (fonte: Frank Fox da Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un rotifero (fonte: Frank Fox da Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scovati nei ghiacci dell'Artico microrganismi ibernati da 24.000 anni. Appartengono ai Rotiferi, un gruppo tassonomico di animali microscopici di lunghezza compresa tra 0,1 e 0,5 millimetri, comuni nelle acque dolci di tutto il mondo. La scoperta è frutto dello studio internazionale pubblicato sulla rivista Current Biology, e coordinato da Stas Malavin, dell'Istituto russo di ricerca fisiochimica e biologica nella scienza del suolo.

Individuati nei terreni ghiacciati del permafrost siberiano, grazie a perforazioni in regioni remote, i microrganismi sono caratterizzati da una notevole resistenza, Sono, cioè, capaci di sopravvivere a temperature estreme, con livelli bassi di ossigeno e scarsi nutrienti. La loro età è stata ricostruita grazie a tecniche di datazione basate sui tempi di decadimento del carbonio radioattivo.

Si tratta della prova, osserva Malavin, "che questi animali pluricellulari possono resistere anche decine di migliaia di anni in criptobiosi, ossia una condizione nella quale il metabolismo è quasi assente". E' una condizione nella quale entrano alcuni organismi semplici in risposta a condizioni ambientali avverse, come il freddo estremo e la mancanza di ossigeno. Probabilmente, concludono i ricercatori, in casi comq questi entra in gioco un sistema che protegge le cellule, impedendo la formazione di cristalli di ghiaccio.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza