Collaudi estremi per terza generazione suv Porsche Cayenne

Dal Dubai all'Alaska, in attesa di debutto al Salone Francoforte

Redazione ANSA

ROMA - Ancora 5 giorni e Porsche svelerà la terza generazione di quello che è stato il primo suv nella sua storia, il Cayenne, e che dal debutto nel 2002 ha venduto più di 760mila unità in tutto il mondo. Il lancio è infatti fissato per il 29 di questo mese a Stoccarda, mentre due settimane più tardi, a Francoforte, la Cayenne E3 (questa la denominazione interna all'azienda) sarà la vedette allo stand Porsche della IAA 2017. Grazie all'adozione della nuova piattaforma modulare PL73 del Gruppo Volkswagen - la stessa dell'Audi Q7 e della Bentley Bentayga, oltre che delle future Lamborghini Urus, Audi Q8 e Volkswagen Touareg - il suv sportivo di Porsche cambia radicalmente pur mantenendo il look che ne ha finora decretato il successo nel suo segmento. La riprogettazione ha riguardato il telaio e gli elementi che influiscono sul comportamento dinamico, oltre che l'abitacolo - con particolare attenzione per i comandi e l'infotainment - e questo ha comportato un lungo e accurato lavoro di collaudo e messa a punto, con prototipi e vetture di pre-serie che hanno percorso complessivamente 4,4 milioni di chilometri in tutto il globo. Test in condizioni reali e, soprattutto, in situazioni estreme con fondi stradali e off road di ogni tipo (dalla neve alla sabbia) e temperature che hanno oscillato tra - 45 e + 50 gradi. Le Cayenne, prima camuffate e poi in versione 'quasi di serie' hanno viaggiato in Alaska, in Svezia, in Finlandia, alla ricerca delle condizioni invernali, ma anche nel deserto del Dubai o nella Death Valley negli Stati Uniti per confrontare il comportamento di ogni elemento della vettura con il caldo torrido. E non sono mancati i collaudi su asfalto alle massime velocità sul circuito del Nordschleife al Nurburgring e sulla pista di Nardò in Puglia dove le Cayenne hanno potuto essere messe alla frusta viaggiando per ore a 'tavoletta'. Altri test in fuoristrada, specifica un comunicato di Porsche, sono stati effettuati in Sudafrica, in Giappone e in Nuova Zelanda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie